UTILIZZAZIONI E ASSEGNAZIONI PROVVISORIE

utilizzazioni ass provvisorie

 

 

 

 

 

 

 

 

Firma a cinque per il contratto integrativo sulla mobilità annuale. A sottoscriverlo al Miur tutti i sindacati scuola rappresentativi: Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda Unams.

 

Per idocenti, il testo ricalca sostanzialmente quello dell’anno precedente consentendo di esprimere le preferenze su scuola-comune-distretto-provincia, nel numero massimo di 20 per l’infanzia e primaria e di15 per la secondaria di 1° e 2° grado.

Per tutti i docenti in possesso dei requisiti previsti, anche quelli neo-immessi in ruolo, si ha l’accesso ai movimenti per l’assegnazione di una scuola, rimanendo esclusa da questo accordo qualsiasi modalità di destinazione verso gli ambiti territoriali.

Tra le novità:

$-          Potranno chiedere utilizzazione i docenti in soprannumero su ambito; In particolare, il personale docente immesso in ruolo che non abbia ottenuto un ambito di titolarità al termine delle operazioni di cui alla fase C e sia rimasto assegnato alla provincia di immissione in ruoloviene assegnato d’ufficio, per il solo anno scolastico 2016/17, ad una sede al termine delle operazioni anche in soprannumero.

$-          Il docente  titolare su una scuola sita in comune diverso e distante da quello residenza (propria e/o dei familiari), ma appartenente comunque allo stesso ambito, può chiedere e, qualora gli spetti, ottenere l'assegnazione provvisoria nel comune di residenza (propria e/o dei familiari) pur essendo titolare in un comune dello stesso ambito territoriale.

$-           I  genitori che hanno figli fino a 6 anni avranno precedenza sia nei movimenti provinciali che interprovinciali, mentre per le sole assegnazioni interprovinciali è riconosciuta la precedenza per figli fino ai 12 anni. I 6 e i 12 anni possono essere compiuti fino il 31/12/2016.