Accordo politico contratto mobilità doceni

mobilità 17-18

 

 

 

 Siglato al MIUR  l’accordo politico sulla mobilità del personale docente, che dovrà concretizzatisi nel CCNI concernente la mobilità del personale docente per l’a.s. 2017/18.

Si opererà in una sola fase , la mobilità provinciale precederà quella interprovinciale, i posti residuati dopo la mobilità provinciale saranno distribuiti al  60% per le immissioni in ruolo ( 50% dalla GM e il 10% dalle GAE) ,  30% per la mobilità interprovinciale e il 10% per la mobilità professionale ( passaggi di cattedra e/o di ruolo)

Nessun vincolo nella data di assunzione. Tutti i docenti , anche assunti nel 2016-2017 , potranno partecipare ai movimenti sia provinciali che interprovinciali.

Si Potrà effettuare  il passaggio da titolarità di ambito a titolarità di scuola, le cui modalità saranno regolamentate  in un accordo parallelo da sottoscrivere contestualmente al contratto di mobilità.

Le preferenze esprimibili potranno essere massimo 15 di cui massimo 5 analitiche ( cioè su scuola) e le restanti su ambito territoriale o provincia. Si potranno esprimere preferenze sia per la provincia di appartenenza che per altre provincie ( anche 15 preferenze per 15 province diverse).

I docenti perdenti posto (soprannumerari)  verranno trattati , nell’ambito della provincia di titolarità ,  utilizzando preferenze analitiche ( su scuola) sia d’ufficio che a domanda.

Le tabelle di valutazione del punteggio , solo ai fini della mobilità , saranno riviste considerando anche il servizio statale pre-ruolo e/o su altro ruolo.

Informazioni aggiuntive